Pubblicato il Lascia un commento

Patek Philippe Aquanaut quadrante blu e cinturino in oro bianco 5168G-001


Nel 1997, poco dopo che Patek Philippe Nautilus ha celebrato il suo 20 ° anniversario, ha lanciato i primi modelli della collezione Aquanaut. Chiaramente ispirati alla forma iconica del Nautilus, questi modelli presentano casse ottagonali arrotondate. Per renderlo più attraente per il mercato più giovane, Patek Philippe ha posizionato l’Aquanaut a un prezzo leggermente inferiore rispetto al Nautilus, offrendo un’alternativa più economica ai fan di quest’ultimo.


Il riferimento Aquanaut n. 5060A, il primo riferimento della serie, presenta l’iconica cassa ottagonale arrotondata da 35,6 mm in acciaio inossidabile. Il quadrante presenta un motivo a scacchiera nera con tre lancette delle ore e delle lancette. Una finestra della data con script corsivo programmato si trova a ore 3. I cinturini in gomma robusti e sportivi, soprannominati “tropicali” e realizzati in un materiale composito ultra resistente, completano la trama del quadrante. Vale la pena notare che questo è stato il primo modello Patek Philippe ad essere dotato di cinturini in gomma. In quanto tali, non erano sicuri di come avrebbe reagito il mercato.

Per migliorare il design dell’orologio sportivo, l’Aquanaut è dotato di una cassa in tre parti e di una corona a vite ed è impermeabile fino a 120 metri. Il movimento a carica automatica Calibro 330 SC lo alimenta, conferendo all’orologio una riserva di carica di 45 ore. È limitato a 1.000 pezzi.


Come il modello originale, il quadrante presenta l’iconico motivo “Chocolate Chunk” ed è dotato di un cinturino in caucciù nero tropicale. Oltre alle dimensioni, un altro importante aggiornamento è stato l’uso del calibro 315 SC aggiornato, che sostituisce il precedente calibro 330 SC, il movimento più nuovo era più sottile a 3,22 mm (3,5 mm in precedenza). A differenza dei modelli precedenti con fondello chiuso, il modello “Oversized” ha un fondello in zaffiro, che consente a Patek Philippe di mostrare il suo meccanismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *